Spiegazione della formula del costo variabile | Atlasmic Blog
maggio 31, 2021
6 min read

Spiegazione della formula del costo variabile

Imparare a calcolare i costi variabili e capirli.

Domas Bitvinskas
Co-fondatore, Atlasmic
Se hai familiarità con l'economia e l'imprenditoria almeno un po', probabilmente sai cosa significano i "costi" aziendali. Sono spese che sono necessarie per mantenere a galla il tuo business. Ma sei consapevole che ci sono in realtà due tipi di costi - fissi e variabili? No? Bene, sei venuto nel posto giusto, perché in questo articolo esamineremo questi ultimi - i costi variabili. Il nostro obiettivo è quello di guardare la formula del costo variabile, spiegarla, ed entrare un po' più nel dettaglio per aiutarti a ottenere più intuizioni per il tuo business per fare meglio!

Per cominciare, quali sono i costi variabili?

Come abbiamo detto, la tua azienda ha dei costi da coprire per continuare a funzionare. Ci sono due tipi di costi e avere la capacità di monitorare, ridurre e modificare i costi totali è un ottimo modo per ottimizzare le prestazioni della tua azienda.
I costi fissi (conosciuti anche come spese generali, costi indiretti), purtroppo, non possono essere ottimizzati. Così, per esempio, l'affitto che paghi per l'ufficio dell'azienda è una forma di costi fissi. Anche gli stipendi pagati ai dipendenti lo sono. Non sono evitabili e non sono influenzati dalla produttività della tua azienda.
I costi variabili, d'altra parte, sono direttamente legati alle dimensioni, all'efficienza e alle pratiche della vostra azienda. Ci sono così tanti modi per ridurre, modificare, aggiungere nuovi o eliminare i costi variabili, che sia gli specialisti della finanza e della contabilità, sia i proprietari di piccole imprese, dovrebbero essere in grado di trattare questo argomento ed esserne a conoscenza. Per non parlare della capacità di calcolarli! Qui sotto c'è un grafico dove mostriamo cosa sono i costi variabili e fissi (con esempi).

Cosa bisogna sapere sui costi variabili?

Ci sono alcuni principi economici che spiegano (molto fondamentalmente) come funzionano i costi variabili. Le piccole imprese di solito hanno costi variabili molto piccoli (in termini di rapporto ai costi totali). Di solito sono i costi fissi che occupano la maggior parte del grafico delle spese. Tuttavia, quando un'impresa cresce, crescono anche i suoi costi variabili. Sono sempre legati agli output diretti della produzione. Quindi, diciamo che la Coca-Cola avrebbe probabilmente costi variabili molto più alti del tuo produttore locale di soda.
Ecco un grafico che illustra come l'equilibrio dei costi è correlato alla dimensione del vostro business. I costi variabili sono scalabili e di solito crescono insieme al tuo business. I costi fissi sono visualizzati come un plateau, quasi sempre.
I costi variabili dovrebbero essere sempre monitorati. Conoscendo e tenendo traccia dei vostri annunci, commissioni, attrezzature e qualsiasi altra spesa legata ai costi variabili, il vostro business può prosperare a un livello completamente nuovo. La riduzione dei costi variabili può essere fatta di solito implementando una tecnologia all'avanguardia, decentralizzando o centralizzando certi processi decisionali (la scelta giusta dipende da molti fattori), aggiungendo più forza lavoro e migliorando la gestione.
Il modo più semplice per ridurre molti costi variabili è quello di cercare soluzioni software automatizzate o moderne. Così, per esempio, invece di rispondere solo alle richieste via e-mail, si può usare Atlasmic per rimanere sempre in contatto con i vostri clienti. Aiuta a semplificare il lavoro del vostro supporto clienti offrendo un'interfaccia user-friendly per la chat e snellisce il flusso di dati all'interno della vostra organizzazione, relativi alle domande dei clienti, reclami, richieste, ecc.

Formula del costo variabile

Se volete calcolare i costi variabili, potete usare una semplice formula. Assomiglia a questa:
Variable Cost Formula
Costi variabili = Costi totali - Costi fissi
Questa formula, tuttavia, mostra solo una cifra molto superficiale che non ti dice molto. Questo ti aiuta a calcolare Costi variabili totali (TVC). Ma questa è solo la punta dell'iceberg. Se la vostra azienda è nel settore manifatturiero, dovete anche sapere come calcolare il costo variabile medio di un'unità prodotta o l'insieme dei costi variabili medi per la produzione totale. Ecco la formula per questo:
Average Variable Cost Formula
Costo variabile medio = Costo variabile totale del prodotto X + prodotto Y... / Produzione totale
Perché è importante tenere traccia di entrambe le metriche? Spieghiamo nel prossimo paragrafo!

Qual è il vantaggio di tracciare i costi variabili?

Come abbiamo detto, i costi fissi sono una specie di pietra miliare. Fate quello che volete, sono quasi impossibili da ridurre senza subire gravi ripercussioni da parte del vostro personale (ad esempio a causa della riduzione degli stipendi) o della diminuzione della produttività (ad esempio perché avete deciso di affittare un magazzino più piccolo con meno attrezzature).
Ma l'intera idea di un business redditizio ruota intorno al fatto che le entrate siano superiori ai costi. Aumentare i prezzi è sempre una bella sfida, quindi le aziende sono continuamente alla ricerca di opportunità per ridurre le loro spese. Questo inizia con il sapere esattamente quanto spendono, dove viene speso e quanto di questo può essere ridotto senza danneggiare i profitti.
Usiamo un esempio. Diciamo che un'azienda produce scarpe da ginnastica. Spende, in media, 2,00$ per paio venduto, in pubblicità. Vende 10.000 paia al mese o 120.000 paia all'anno. Sono 20 mila dollari ogni mese, solo per la pubblicità delle scarpe da ginnastica. I dirigenti pubblicitari potrebbero sforzarsi di ottimizzare le pubblicità e le strategie pubblicitarie per ridurre i costi variabili totali a 1,5$ per paio venduto. Se il tentativo ha successo, questa azienda di esempio potrebbe risparmiare 60.000$ ogni anno. Questo non è semplicemente fattibile senza sapere dove si può ridurre la spesa e quali aree potrebbero essere migliorate. Inoltre, se il team pubblicitario si prefiggesse di raggiungere un tale obiettivo, avrebbe bisogno di monitorare costantemente i costi variabili per sapere, quanto ancora devono tagliare le spese, per raggiungere il loro obiettivo.

Riassunto

Naturalmente, speriamo che questo articolo sia stato utile, ma riassumiamo le cose per il massimo beneficio. Dunque, i costi variabili sono uno dei due tipi di costi che un'azienda deve affrontare. Di solito sono direttamente correlati alla dimensione del vostro business, il che significa che più producete, vendete, fate, più alti sono i vostri costi variabili. Calcolare i costi variabili è molto semplice, basta sottrarre i costi fissi dalla quantità totale di denaro che stai spendendo. E infine, monitorarli è molto vantaggioso. La tua azienda può risparmiare migliaia e migliaia di dollari all'anno, sapendo quali aree potrebbero essere migliorate.
Più per la crescita del tuo business
settembre 13, 2021
Crescita del business
6 min read
Cos'è una strategia Customer First e come stabilirla?
Impara come implementare una strategia customer-first e far crescere il tuo business.
Ben Bitvinskas
Co-fondatore, Atlasmic
settembre 3, 2021
Crescita del business
6 min read
Differenziazione del prodotto: Come distinguersi dalla folla?
Scopri come elevare il tuo prodotto o servizio al vertice della concorrenza.
Ben Bitvinskas
Co-fondatore, Atlasmic